Campania, Cesaro (FI): “Su concorsone ex Ministro conferma nostre denunce, andiamo avanti su ricorsi”

“Se un ex ministro, oggi vertice apicale del Formez, si scomoda per rassicurare candidati e opinione pubblica sul fatto che le correzioni delle attuali prove del concorsone saranno svolte in 24 ore, vuol dire che avevamo ragione, che qualcosa fino ad oggi non è andato per il verso giusto e che la nostra battaglia, quella di tantissimi candidati, ha basi più che solide”. Lo afferma il capogruppo regionale campano di Forza Italia Armando Cesaro, per il quale “quella del presidente Bonisoli è stata, al pari del suo intervento, una visita inutile visto che il pasticcio è stato già consumato e che le prove andrebbero, anzi vanno, ripetute daccapo”.

“Parliamo di un concorso che dovrà garantire circa 10mila posti di lavoro a tempo indeterminato in Regione e in circa 196 enti locali della Campania – spiega l’esponente di Forza Italia -, sul quale pendono, come abbiamo denunciato più volte, forti e fondati sospetti di omissioni e falsità nonché non poche ombre sui tempi dI correzione delle prove preselettive e su ben due non meglio giustificate revisioni delle graduatorie della categoria D”.

“Per quanto ci riguarda – aggiunge Cesaro – non arretreremo di un millimetro e continueremo a sostenere fino in fondo chiunque voglia presentare un ricorso”. “Ribadiamo: è una battaglia per la trasparenza, per la tutela dei diritti di tutti i candidati, una battaglia di civiltà”, conclude Cesaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *