GERMANIA, strage terroristica ad Hanau, morte 11 persone

Nella notte tra mercoledì e giovedì la “movida” tedesca è stata bruscamente interrotta da un folle attacco terroristico che è costato la vita ad 11 persone. La strage è avvenuta all’incirca verso le 22 ed ha colpito 2 shisha bar (locali per gli amanti del narghilè) presso la città di Hanau, che dista 20km da Francoforte.

Stando alla ricostruzione della vicenda, la strage è avvenuta con matrice politica. I primi colpi sono stati esplosi nel centro storico della città e subito dopo il terrorista, che possedeva un regolare porto d’armi e una licenza di caccia, ha preso di miro il quartiere di Kesselstadt, prima di suicidarsi lasciando un messaggio contro i popoli non tedeschi.

Le ragioni che hanno spinto Tobias Rathien, 43 anni, ad attuare questo folle gesto sono di fonte xenofoba e lo spiega bene nella lettera e nel video d’addio realizzato da lui prima di compiere il gesto estremo, suicidandosi ed uccidendo anche la madre. “Alcuni popoli che non si riescono a espellere dalla Germania vanno sterminati” queste le terribili parole pronunciate da Rathien, rivolte, soprattutto, alla popolazione curda che abita nel territorio tedesco ed il suo desiderio di vedere “coloro diversi dai tedeschi” venire annientati.

Profondo il cordoglio di molti leader politici: il presidente tedesco Steinmeier ha lanciato un messaggio contro ogni forma di razzismo, mentre Angela Merkel ha indirizzato il suo discorso verso la popolazione di Hanau ed ha manifestato il suo cordoglio verso le vittime di “questo terribile crimine”.

ll portavoce della presidenza turca, Ibrahim Kalin, ha dichiarato  “Ci aspettiamo che le autorità tedesche facciano il massimo per chiarire l’incidente”

Anche la settimana scorsa, dopo la fine di uno spettacolo comico turco, la Germania ha vissuto attimi di terrore dopo che un uomo era stato ucciso con colpi di arma da fuoco a Berlino.

La Germania sta vivendo una nuova epoca di disuguaglianza sociale e di terrorismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *